Condividi

Connexia, DuePuntoZero Research e THINGS alla Social Media Week con “L’Evoluzione dello sharing paradigm”

Web

Connexia, agenzia di comunicazione multicanale leader in Italia nelle attività di digital PR, media relation, web e mobile, Duepuntozero Reaserch DOXA, il più innovativo istituito di ricerca specializzato nello studio degli ambienti digitali, e THINGS, la prima “design and innovation agency” focalizzata su The Internet of Things, partecipano alla Social Media Week con un evento dal titolo “L’evoluzione dello sharing paradigm” in programma il 21
febbraio dalle 17.30.

Quattro eventi in uno per approfondire il tema della condivisione ed esplorarne opportunità e scenari futuri. L’appuntamento è dalle 17.30 alle 20.30 nella sede di via Panizza 7 a Milano, con il seguente programma:

Book Reading con Marta Mainieri, autrice del libro “Collaboriamo! Come i Social Media ci aiutano a lavorare e vivere bene in tempo di crisi” edito da Hoepli. Con la partecipazione di Luca Conti, curatore della collana Web & Marketing 2.0 di Hoepli e autore di Lavoro e carriera con LinkedIn.

3 sessioni parallele per scoprire l’evoluzione del modello di condivisione.
Sessione 1 – Dai Big Data ai Relevant Data

Federico Capeci (Duepuntozero Research DOXA)

Non ha più senso chiedersi SE monitorare i social media, ma semmai COME e PERCHE’ farlo: per questo motivo Duepuntozero DOXA ha declinato 9 possibili obiettivi della Social Media Analysis, che coinvolgono altrettante funzioni in azienda, per indirizzare il monitoraggio dei Social. Si parte quindi dagli obiettivi, per giungere ad identificare i dati utili, in grado di generare insights, e, conseguentemente, il sistema di crawling, analisi, persone e dashboard più opportuni.
Dopo la presentazione di approccio e strumenti, Pepe Moder, Head of Digital di Pirelli Auto, racconterà il processo seguito da Pirelli.

Sessione 2 – SOCIAL PRODUCTS

Paolo D’Ammassa e Marta Mainieri (CONNEXIA), Pierpaolo Bardoni (THINGS)

Dopo aver collezionato migliaia di fan sulla propria brand page, è tempo per le aziende di concentrarsi sulla qualità della propria audience: sembra oramai inevitabile che il fan di qualità per diventare influencer e advocate deve poter vivere personalmente una vera e profonda esperienza di marca. Con le ultime evoluzioni di Internet i brand possono ottenere incredibili vantaggi social d una nuova categoria di prodotti. Sono i “social product”, strettamente legati alla visione dell’Internet of Things, che acquisiscono intelligenza dai sensori, attuatori e dai dati della rete grazie alla loro
strutturale connessione ad internet. I social product diventano l’interfaccia fisica delle attività sui social network, condividono il loro status e informazioni testimoniando l’esperienza quotidiana con il brand. Connexia e THINGS esploreranno lo scenario dei Social Product analizzando il loro rapporto con i social media e come influenzano la relazione tra brand e consumatore.
Sessione 3 – PROGRESSIVE CO-WORKING

Silvio Cioni (THINGS), Claudio Moderini (Domus Academy)

Negli ultimi anni si è assistito alla nascita di nuovi servizi basati sulla condivisione di risorse tra persone con attività e obiettivi lavorativi affini. In particolare sono emersi modelli diversi di COWORKING come risposta all’esigenza sentita dai professionisti non solo di condivisione delle strutture, ma anche di promozione di modalità di collaborazione particolari a supporto di nuove forme di business. In questa prospettiva, i nuovi servizi di CO-WORKING devono considerare modalità innovative di uso condiviso degli spazi, supportare efficacemente pratiche collaborative, consentire relazioni produttive e promuovere nuove opportunità di lavoro.

La presentazione mostrerà in anteprima i risultati del workshop di design Progressive Co-Working – Experimental
Formats for Innovative Work Experiences realizzato da Domus Academy, scuola post-universitaria di design (all’interno dei master di Interaction Design e Service and Experience Design) in collaborazione con THINGS, agenzia di design e innovazione focalizzata sulla Internet of Things.